Camera di Commercio di Catanzaro – Crotone – Vibo Valentia

MENU

Riforma mediazione: nuove modalità dal 30 giugno 2023

Dal 30 giugno 2023 sono in vigore le nuove norme sulla mediazione introdotte nel decreto legislativo nr. 28/2010 dal d. lgs. 149/2022 (Riforma Cartabia).
A partire dal 30 giugno 2023 entrano in vigore le nuove norme sulla mediazione introdotte nel decreto legislativo nr. 28/2010 dal d. lgs. 149/2022 (Riforma Cartabia).
In sintesi, le novità riguardano:

  • la previsione di ulteriori materie (art. 5 co. 1)per le quali il tentativo di mediazione è condizione di procedibilità: associazione in partecipazione, consorzio, franchising, opera, rete, somministrazione, società di persone, subfornitura (che si aggiungono a quelle già ora previste: condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto d’azienda, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria, e da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari);
  • implementazione della mediazione demandata dal giudice (art. 5-quater);
  • clausola di mediazione contrattuale o statutaria: quando il contratto, lo statuto o l’atto costitutivo di un ente pubblico o privato prevedono una clausola di mediazione, l’esperimento della mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale (art. 5-sexies);
  • presenza personale delle parti: le parti “partecipano personalmente” alla procedura; solo “in presenza di giustificati motivi, possono delegare un rappresentante, a conoscenza dei fatti e munito dei poteri necessari alla composizione della controversia” (art. 8) patrocinio a spese dello Stato: per l’esenzione dalle spese di mediazione è necessario ottenere ammissione al gratuito patrocinio da parte del consiglio dell’ordine degli avvocati dove ha sede l’organismo di mediazione (art. 15-bis e ss.);
  • eliminazione del primo incontro di programmazione/informativo (il primo incontro è già un incontro effettivo) (art. 6);
  • di conseguenza, diversa articolazione delle spese per il primo incontro e per gli incontri successivi, in vigore dal 15 novembre 2023, ai sensi degli artt. 28 e 30 del Decreto 24 ottobre 2023, n. 150;
  • convocazione dell’incontro tra i 20 e i 40 giorni dal deposito della domanda e durata complessiva del procedimento di 3 mesi prorogabile per altri 3 (art. 6 ed art 8);
  • legittimazione dell’amministratore condominiale ad attivare o partecipare alla mediazione senza necessità di una preventiva delibera condominiale (art. 5-ter).

A seguito del processo di accorpamento delle 3 preesistenti Camere di Commercio di Catanzaro Crotone e Vibo Valentia, il nuovo Ente attualmente è costituito da 3 organismi di mediazione che saranno oggetto di successiva unificazione.

La Camera di Commercio di Catanzaro Crotone e Vibo Valentia (iscritta ai nn. 128, 25 e 283 nel Registro Nazionale degli Organismi di mediazione) è autorizzata a gestire la procedura di mediazione prevista dal D.Lgs 28/2010 “Attuazione dell’articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali”. 

La mediazione – effettuata da parte di un mediatore imparziale scelto dall’organismo di mediazione – consiste sia nel cercare tra le parti un accordo amichevole per risolvere la controversia, sia nel formulare una proposta per risolvere la stessa.

La mediazione può essere richiesta per controversie di natura economica, civili e commerciali, relative a diritti disponibili.

 

VANTAGGI DELLA MEDIAZIONE
  • Costi certi e contenuti: le spese di mediazione sono rapportate al valore della controversia e sono conoscibili fin dall’inizio
  • Tempi rapidi: l’incontro di mediazione viene fissato non prima di 20 giorni e non oltre 40 giorni dal deposito della domanda; la procedura si deve concludere entro 3 mesi, fatta salva la proroga delle parti con atto scritto.
  • Esenzione dal pagamento dell’imposta di registro per il verbale di accordo per valori fino a 100.000 euro.
 
A CHI SI RIVOLGE
 

La mediazione è obbligatoria per alcune materie per le quali è condizione di procedibilità per l’esercizio in giudizio della relativa azione, ai sensi dell’art. 5 co. 1 D.Lgs. n. 28/2010.

La mediazione obbligatoria è una condizione di procedibilità della causa: ciò significa che la controversia non può proseguire senza aver tentato la mediazione.
La riforma Cartabia, tra le altre cose, ha apportato modifiche all’art. 5 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, stabilendo che chi avvia un’azione legale in materie soggette a conciliazione obbligatoria deve, appunto, prima intraprendere tale procedimento.
L’eccezione di improcedibilità può essere sollevata dal convenuto o dal giudice entro la prima udienza. Se il giudice rileva che la mediazione non è stata intrapresa o non è conclusa, rinvia la prima udienza e, alla successiva, verifica il rispetto dell’obbligo di tale procedimento obbligatorio per le materie in questione: ove la mediazione non sia stata eseguita dichiara l’improcedibilità della domanda giudiziale.
La medesima norma specifica anche che la mediazione obbligatoria sia considerata soddisfatta se il primo incontro con il mediatore si conclude senza un accordo di conciliazione.

Può comunque essere tentata in ogni altra materia, purché abbia a oggetto diritti disponibili, attraverso una mediazione volontaria: in questa diversa ipotesi la mediazione può essere svolta perché la si ritiene utile ma non è un elemento di procedibilità della causa, che potrebbe cominciare anche senza conciliazione.
La Camera di Commercio di Catanzaro Crotone e Vibo Valentia, inoltre, è competente a gestire le Conciliazioni in materia di telecomunicazione e energia elettrica, gas, sistema idrico ed in materia di consumo di cui all’articolo 141 – decies del Codice del consumo.

 

ACCEDERE AL SERVIZIO 

Come si fa

La mediazione si avvia depositando una domanda compilata secondo il modello disponibile nel sito a cui va allegata la documentazione indicata nel modello medesimo.

La domanda di mediazione deve essere presentata presso un organismo del luogo del giudice territorialmente competente per la controversia (art. 4 co. 1).

La Camera di Commercio di Catanzaro Crotone e Vibo Valentia ha 3 Organismi di mediazione derivanti dall’accorpamento delle preesistenti Camere di Commercio a cui corrispondono 3 Regolamenti distinti.

Il deposito della domanda può essere effettuato:

  • via PEC all’indirizzo cciaa@pec.czkrvv.camcom.it
  • per via telematica con il servizio ConciliaCamera (che consente l’accesso al fascicolo elettronico della procedura), previa registrazione al portale;
  • allo sportello.
 
Cosa serve

E’ necessaria l’assistenza di un avvocato per le mediazioni nelle materie obbligatorie previste dall’art. 5, comma 1 e art. 5-quater del d.lgs. 28/2010. 

Ai sensi del d.lgs. n. 28/2010 e successive modifiche e integrazioni, nelle mediazioni obbligatorie è necessaria l’assistenza dell’avvocato al primo incontro e agli eventuali incontri successivi.

Come si svolge

Gli incontri di mediazione si svolgono presso la sede camerale:

  • IN PRESENZA, presso le sedi della Camera di Commercio;
  • IN MODALITÀ TELEMATICA, se richiesto da una delle parti, art. 8bis co. 2.

Le parti, accompagnate dai propri avvocati, debbono presenziare personalmente perché il tentativo di mediazione possa dirsi effettivamente avviato.
Se la parte invitata non si presenta al primo incontro di mediazione, sarà redatto il verbale di mediazione per mancata comparizione senza ulteriori spese.
In caso di esito positivo della mediazione, il verbale di accordo è titolo esecutivo quando tutte le parti sono assistite da un avvocato ed è sottoscritto da tutte le parti e dai rispettivi avvocati.
Il procedimento di mediazione ha una durata non superiore a 3 mesi (termine previsto dall’art. 6 del d.lgs. n. 28/2010), salvo accordo di superamento tra le parti.

Costi e vincoli

A seguito dell’entrata in vigore del Decreto Ministeriale 150/2023 sono stati approvati i tariffari che sostituiscono quanto previsto dai singoli Regolamenti.

Procedere con il pagamento attraverso il portale PagoPA.

Tempi e scadenze

I tempi e le procedure della mediazione sono riportate nei Regolamenti di mediazione.

Convocazione dell’incontro tra i 20 e i 40 giorni dal deposito della domanda e durata complessiva del procedimento di 3 mesi prorogabile per altri 3 (art. 6 ed art 8).

Gratuito patrocinio

Il D.lgs 28/10 al Capo II-bis – DISPOSIZIONI SUL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO  NELLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE istituisce agli artt. 15-bis e seguenti il patrocinio a spese dello Stato alla parte non abbiente per l’assistenza dell’avvocato nel procedimento di mediazione nei casi di cui all’articolo 5, comma 1, se è raggiunto l’accordo di conciliazione.

Può essere ammesso al patrocinio chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore all’importo indicato dall’articolo 76 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115.

L’istanza per l’ammissione anticipata è presentata, o personalmente o a mezzo raccomandata o a mezzo posta elettronica certificata o con altro servizio elettronico di recapito certificato qualificato, dall’interessato o dall’avvocato che ne ha autenticato la firma, al consiglio dell’ordine degli avvocati del luogo dove ha sede l’organismo di mediazione competente. Entro venti giorni dalla presentazione dell’istanza per l’ammissione, il consiglio dell’ordine degli avvocati, verificatane l’ammissibilità, ammette l’interessato al patrocinio, in via anticipata e provvisoria, e gliene dà immediata comunicazione.

Contro il rigetto dell’istanza per l’ammissione anticipata, l’interessato può proporre ricorso, entro venti giorni dalla comunicazione, avanti al Presidente del Tribunale del luogo in cui ha sede il consiglio dell’ordine che ha adottato il provvedimento.

Chi è ammesso al patrocinio può nominare un avvocato scelto tra gli iscritti negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato, istituiti presso i consigli dell’ordine del luogo dove ha sede l’organismo di mediazione competente.

L’ammissione anticipata al patrocinio è valida per l’intero procedimento di mediazione, le indennità di cui all’articolo 17, commi 3 e 4, non sono quindi dovute dalla parte ammessa in via anticipata al patrocinio.

Quando è raggiunto l’accordo di conciliazione, l’ammissione è confermata, su istanza dell’avvocato, dal consiglio dell’ordine che ha deliberato l’ammissione anticipata, mediante apposizione del visto di congruità sulla parcella.

 

REQUISITI E MODALITÀ DI RICHIESTA

  • Condizioni reddituali per l’ammissione (ai sensi dell’art.15-ter D.lgs 28/10): limite di reddito per l’accesso al patrocinio a spese dello Stato non superiore ad € 12.838,01;
  • la richiesta di ammissione al gratuito patrocinio deve essere preventivamente presentata al consiglio dell’ordine degli avvocati del luogo dove ha sede l’organismo di mediazione competente, prima della presentazione o della adesione alla procedure di mediazione, esclusivamente nei casi di cui all’articolo 5, comma 1 (ai sensi dell’art.15-quater D.lgs 28/10) ;
  • è obbligatorio allegare al modello di domanda di mediazione o di adesione, copia ammissione al gratuito patrocinio, rilasciata dal Consiglio dell’ordine degli Avvocati, ai sensi dell’art. 15 bis del D.lgs 28/10.
Normativa di riferimento
  • D.L. 28 del 04 03 2010
  • Decreto 180 del 18 10 2010
  • Convenzione Unioncamere – ARERA del 28/12/2022
  • Protocollo di Intesa del 29/05/2019 tra Unioncamere ed AGCOM

Seguici