Camera di Commercio CZ | KR | VV

MENU

Prodotti elettrici

La vigilanza sulla sicurezza dei prodotti elettrici riguarda sia il materiale elettrico destinato ad essere usato entro determinati limiti di tensione sia la compatibilità elettromagnetica.

In particolare la direttiva europea n. 73/23, nota come Direttiva bassa Tensione, e le successive, nonché le norme nazionali di recepimento, si applicano a tutto il materiale elettrico destinato ad essere usato ad una tensione nominale compresa tra 50 e 1000 volt in corrente alternata e tra 75 e 1500 volt in corrente continua, ad eccezione:

  • di materiali elettrici destinati ad essere usati in ambienti esposti a pericolo di esplosione

  • materiale elettrici per radiologia ed uso clinico

  • parti elettriche di ascensori e montacarichi

  • contatori elettrici

  • prese e spine di corrente per uso domestico

  • dispositivi di alimentazione dei recinti elettrici e altro ancora.

Tutti i prodotti elettrici che rientrano nel campo di applicazione della direttiva bassa tensione devono essere provvisti di marcatura CE all’atto dell’immissione sul mercato comunitario e devono essere conformi ai principi generali in materia di sicurezza e alle norme armonizzate, cioè alle norme stabilite di comune accordo dagli organismi europei di normazione elettrotecnica ed elettronica, recepite con decreto dell’attuale Ministero per lo Sviluppo Economico – MISE.

L’obiettivo della legislazione sulla compatibilità elettromagnetica di cui alla direttiva 2004/108/CE è quello di assicurare che le apparecchiature che possono generare perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può subire gli effetti di tali perturbazioni rispondano ad un livello di compatibilità elettromagnetica tale da:

  • assicurare che le perturbazioni elettromagnetiche prodotte dalle apparecchiature non pregiudichino il corretto funzionamento di altri apparecchi;

  • garantire che le apparecchiature abbiano un adeguato livello di protezione che consenta loro di funzionare come previsto.

La direttiva citata e le norme nazionali di recepimento si applicano ad una vasta gamma di apparecchi che contengono componenti elettrici o elettronici, quali ad esempio apparecchi per l’illuminazione muniti di regolatore di luminosità, apparecchi con lampade e fluorescenza con alimentatore o alogene con trasformatore, trasformatori di sicurezza, ecc.